La disfunzione erettile, in passato definita impropriamente impotenza, costituisce l’incapacità dell’uomo di ottenere o di mantenere un’erezione sufficiente a consentire la penetrazione, anche quando è esposto a uno stimolo sessuale che considera eccitante.

Caratteristiche del disturbo

Secondo il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM–V (American Psychiatric Association, 2013) la caratteristica essenziale della disfunzione erettile è la ripetuta incapacità di ottenere o mantenere l’erezione durante i rapporti sessuali.

Tale sintomo deve manifestarsi per un periodo significativo di tempo (almeno 6 mesi) e verificarsi nella maggior parte delle occasioni sessuali. I sintomi possono verificarsi preferibilmente in situazioni specifiche che includono determinati tipi di stimolazione o partner, o possono verificarsi in modo generalizzato in tutti i tipi di situazione.

Perché si possa parlare di disturbo erettile, l’anomalia deve causare disagio clinicamente significativo o difficoltà interpersonali. La disfunzione sessuale non è meglio spiegata da un disturbo mentale non sessuale o come conseguenza di un grave disagio relazionale o di altri significativi fattori stressanti e non è attribuibile agli effetti di una sostanza (o di un farmaco) o di un’altra condizione medica.

Diffusione della disfunzione erettile

I disturbi dell’erezione sono molto frequenti, circa il 10 % degli uomini fa esperienza di problemi di erezione che ostacolano la penetrazione. La prevalenza e l’incidenza del disturbo subiscono poi un forte aumento correlato all’età. Il 40 – 50 % degli uomini sopra i 60 – 70 anni, infatti, dichiara di soffrire di tale disturbo.

Cause della disfunzione erettile

L’eccitazione consiste in una sensazione di piacere accompagnata da caratteristiche fisiologiche. Nell’uomo avviene la vasocongestione del distretto penieno che comporta l’erezione e la secrezione delle ghiandole di Cowper.

Escluse le patologie organiche, l’interruzione del naturale decorso dell’eccitazione è il risultato di interferenze emotive che disturbano il meccanismo della vasodilatazione, processo che dipende prevalentemente dal controllo del sistema parasimpatico.

Gli stati emotivi che si attivano prima, durante e dopo il rapporto sessuale spesso determinano la comparsa ed il mantenimento delle disfunzioni. Ne consegue, pertanto, l’importanza sul piano terapeutico di riconoscere e modulare i complessi coinvolgimenti emotivi responsabili del disagio sessuale.

Terapia per il disturbo erettile

Ricerche recenti circa l’origine delle difficoltà dell’eccitazione maschile confermano la complessità dell’eziopatogenesi e suggeriscono il ricorso ad un approccio terapeutico che integri interventi interdisciplinari che favoriscano l’efficacia degli esiti terapeutici.

Le neuroscienze ci invitano a riflettere e a valorizzare le interferenze emotive che si attivano nei momenti di intimità dei pazienti con difficoltà sessuali.

Il mancato riconoscimento del significato di un’ansia, di una vergogna o di un’altra emozione che sorge durante il rapporto sessuale costituisce il meccanismo basilare del disagio e della disfunzione. A ciò si sommano i processi cognitivi (pensieri, ricordi, immagini) che influenzano l’attività sessuale provocando un circolo vizioso di mantenimento nel tempo del sintomo stesso.

Fra le terapie più indicate per il disturbo erettile vi è la psicoterapia cognitivo comportamentale che consiste nell’affrontare i fattori principali di mantenimento del problema quali l’ansia da prestazione, lo stress ed altri circoli viziosi disfunzionali.

A seconda dei casi vengono attuati interventi di psicoeducazione, volti a correggere le credenze errate legate alla sessualità, la psicoterapia sessuale integrata con prescrizione di esercizi comportamentali specifici o una psicoterapia focalizzata sul disturbo.

Per maggiori informazioni o per una richiesta di appuntamento, clicca qui.

Il Dottor Fabio Theodule, sessuologo Torino, riceve su appuntamento presso il Centro di psicoterapia a Torino, Centro Clinico Crocetta

Articoli correlati

Bibliografia

Note legali: le informazioni contenute nel presente sito sono di natura scientifica e hanno scopo puramente divulgativo. Qualsiasi intervento clinico deve avvenire, in base alla legge italiana, sotto la completa responsabilità del professionista abilitato.