Disturbo ossessivo compulsivo (DOC)

Il Disturbo ossessivo compulsivo o DOC è un disturbo caratterizzato dalla presenza di ossessioni, compulsioni o di entrambe.

Le ossessioni sono impulsi, immagini o pensieri ricorrenti e persistenti che vengono vissuti come intrusivi e indesiderati. A differenza delle preoccupazioni vengono generalmente percepite come eccessive, insensate e prive di riscontro con la realtà. Nondimeno, sono in grado di generare forti emozioni di ansia, disgusto e disagio e sono particolarmente resistenti agli innumerevoli sforzi adottati per contrastarle.

Le compulsioni, invece, definite anche rituali, rappresentano azioni mentali o comportamenti ripetitivi, attuati per ridurre il senso di disagio e l’ansia prodotti dalle ossessioni. Assumono la forma di rigide regole di comportamento, talvolta bizzarro, attuato in maniera meccanica e meticolosa.

Quante persone soffrono di disturbo ossessivo compulsivo?

Secondo il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM–V (American Psychiatric Association, 2013) il DOC colpisce, senza distinzione di genere, dal 2 al 3% della popolazione. L’esordio è più frequente in giovane età ed in adolescenza nei maschi ed è più ritardato nelle femmine. Solitamente l’insorgenza del disturbo avviene in maniera graduale e subdola, con la comparsa dei primi lievi sintomi ossessivo-compulsivi che si aggravano progressivamente. Se il disturbo non viene curato tende ad evolvere in quadri clinici cronici.

Quali sono le cause del DOC?

Non sono state individuate singole cause alla base del disturbo ossessivo-compulsivo. Le ipotesi prevalenti prendono in considerazione una causalità multifattoriale, affiancando alle cause psicologiche possibili disfunzioni biochimiche e neurotrasmettitoriali, disfunzioni del sistema immunitario ed alterazioni anatomofunzionali.

Quanti tipi di DOC esistono?

Circa l’80% delle persone affette dal disturbo ossessivo compulsivo sperimenta sia le ossessioni che le compulsioni, mentre una minoranza è affetta solamente da ossessioni. Le forme che il DOC può assumere sono molteplici, talvolta presenti in concomitanza. Nella pratica clinica vengono distinte le seguenti forme:

  • disturbi da contaminazione;
  • disturbi da controllo;
  • superstizione eccessiva;
  • ordine e simmetria;
  • disturbi da accumulo;
  • ossessioni pure;
  • compulsioni mentali.
rocchetti-di-filo-con-un-elemento-fastidiosamente-disallineato

Come si cura il disturbo ossessivo compulsivo?

Le linee guida internazionali individuano nella psicoterapia cognitivo comportamentale il trattamento d’elezione per le persone affette dal DOC.

La psicoterapia comportamentale, fondata sull’apprendimento, ha l’obiettivo di modificare emozioni e pensieri disfunzionali attraverso il cambiamento del comportamento. Il protocollo di esposizione con prevenzione della risposta EPR viene utilizzato per modificare, ridurre e sospendere i comportamenti compulsivi, favorendo l’estinzione dell’ansia condizionata dalle ossessioni.

La psicoterapia cognitiva si pone l’obiettivo di ridimensionare le credenze disfunzionali delle persone affette dal DOC, sostenendole nell’aumentare la tolleranza nei confronti di pensieri, immagini o impulsi indesiderati. In particolare, la terapia cognitiva, nella psicoterapia cognitivo comportamentale del DOC, sostiene i pazienti nel modificare le convinzioni errate sull’importanza dei pensieri, sulla possibilità di esercitare un controllo sugli stessi e sul senso di responsabilità connesso.

In combinazione con la psicoterapia cognitiva comportamentale, l’efficacia della terapia farmacologica è stata dimostrata da diversi studi, per numerose persone. Nello specifico, i farmaci che hanno ottenuto maggiori effetti positivi rientrano nella categoria degli antidepressivi triciclici e degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina SSRI.

La psicoterapia cognitivo comportamentale è fondata scientificamente, orientata verso lo scopo, pratica, concreta, attiva e con obiettivi condivisi, lavora sul “qui e ora” ed è a breve termine.

Per maggiori informazioni o per una richiesta di appuntamento clicca qui.

Il Dottor Fabio Theodule, psicologo Torino, fa parte dell’équipe specialistica sul disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e disturbi correlati (Area DOC) e riceve su appuntamento presso il Centro di psicoterapia a Torino, Centro Clinico Crocetta

Articoli correlati

Bibliografia

Note legali: le informazioni contenute nel presente sito sono di natura scientifica e hanno scopo puramente divulgativo. Qualsiasi intervento clinico deve avvenire, in base alla legge italiana, sotto la completa responsabilità del professionista abilitato.